I più letti

  • Nessun risultato trovato
 

Il Salento e la ‘nciùrita paesana

Il Salento si sà, rappresenta un’ immensa scatola di diversi colori, sapori, musica, tradizioni ed ogni paese dal più piccolo al più popolato ne contiene a sua volta una miriade. Una pittoresta usanza dell’antico salento è la ‘nciùrita cioè un soprannome assegnato ad una famiglia o ad una singola persona, usato più volentieri del cognome stesso. Un appellativo che rappresentava la persona stessa, i suoi vizi, il suo lavoro, il suo aspetto, i suoi interessi, le sue passioni ecc. Oltre alle ‘nciùrite “personali” vi sono degli stereotipi tradizionali salentini che identificano gli abitanti dei vari paesi. Esistono dei versi in rima a riguardo, ecco qui:

Ad Alessano “li sciudéi”,
a Campie “li babbei”,
“li saracùni” a Casaranu,
“ciole” iddhi de Barbarànu.
Se senti dire: “su ‘cculi lesi”,
statte certu ca su’ ‘Ndranési,
a Caprarica “li cristariéddhi”,
a Marittima “li nanèddhi”
All’Acaja le “culippuntàte”,
Casamassella bella citate,
ad Acquarica trovi “spurtèddhe”,
a Presicce le “buttanéddhe”.
A Burgagne “li spustati”,
a Melendugnu su’ ” ‘pporci binchiàti”,
a Butrugnu “li cucummeràri”,
a Cutrufianu “li cutumàri”.
A Corsanu “li carcagni tisi”,
“li mangia cozze” a Vigna Castrisi,
a San Cesariu “li mangia pasùli”,
a Caddhinu “li fiji de muli”.
A Cascignanu suntu “lardusi”
a Trepuzzi tutti “fetusi”,
a Uggianu “li babarabbà”,
le “panze nchiate” trovi a Strudà.
A Cupertinu “li mangia ciucci”,
a Giurdignanu “li coji mucci”,
quiddhi de Vernule su’ “lenghi e ressi”,
a Sulitu: “li stuscia cessi”.
A Gaddhipuli “li pupiddhùzzi”,
a Minervinu “li cappieddhùzzi”,
“li cacòrsi” a Carpignanu,
“li tignùsi” a Montesanu.
E se poti Schinzanu scanza,
de “li cututi” de Salve sarvate.

Ed Ecco qui la traduzione più o meno fedele:

Ad Alessano sono detti “giudei”,
a Campi: “babbei”,
“volponi” a Casarano,
“stupidi” quelli di Barbarano.
Se senti dire: “culi rotti”
certo sono quelli di Andrano,
a Caprarica C. “avvoltoi”,
a Marittima: “nanetti”.
All’Acaja: “sfacciate” (le donne)
Casamassella è bella città,
ad Acquarica C.: trovi “le sporte”,
a Presicce: “le puttane”.
A Borgagne: “gli spostati”,
a Melendugno “porci sazi”.
A Botrugno: “cetrioli”,
a Cutrofiano: “vasai”.
a Corsano; “calcagne alzate”,
“mangia lumache”, a Vigna Castrisi
a San Cesario: “mangia fagioli”,
a Cavallino: “figli di muli”.
A Castrignano G.: sono “spacconi”,
a Trepuzzi: tutti “irosi”,
a Uggiano: “sciocchi”,
“ventri gonfi” quelli di Strudà.
A Copertino: “mangia asini”,
a Giurdignano: “mocciosi”,
quelli di Vernole: sono “lunghi e grossi”,
a Soleto “svuotacessi”.
A Gallipoli “pupilli”,
a Minervino “cappellini”,
“cattivelli” a Carpignano,
“tignosi” a Montesano.
Se puoi Squinzano scanza,
da quelli con la “coda” di Salve salvati.

Eccone un’altra piuttosto simile ma più corta:

“Mangiacàni” li Leccesi,
“ricottàri” i Majesi,
“pacciaréddhi” li Martanesi,
“francu st ‘angùria” li Corianesi.

Tradotta:

Mangiacani i Leccesi,
ricottari i Magliesi,
pazzerelli i Martanesi,
esenti da tasse sui cocomeri i Coriglianesi.

Tuttavia ne mancano tanti e tanti ancora, è difficile poter contenere tutto il bagaglio folkloristico del Salento, disfarlo per metterlo in mostra tutto in una volta.

B&B nel Salento Il Giardino

Tags: , , ,

 
 
 

Photogallery

mare-3 mare-2 giardino-3 interno-3 giardino-6 giardino-5
 
 

Search

 

Il Giardino

Di Rizzo Angelo
Via S. Antonio, n.207
Cap. 73030 – Castro (LE)

Mobile: +39 340 6035400
angelrizz@libero.it
 
 

Where we are